--- >>>   francescani per la diocesi   <<< ---

Home

Chi siamo

Attività

Formazione

Pubblicazioni

Frate Jacopa

Archivio fotografico

Links

Briciole di Liturgia  -  Monografie  -  Spiritualitą

Briciole di Liturgia
a cura di Giuseppe Guastella

info@fratejacopaverona.it



i simboli cristiani

  • I SIMBOLI CRISTIANI
    Talora ci può sfuggire il significato originario delle immagini che troviamo nei nostri luoghi di culto: i simboli e gli affreschi sono come un Vangelo in miniatura, un sommario della fede cristiana...

    Dobbiamo considerare a quali problemi dovevano far fronte le prime comunità cristiane: dal semplice sospetto e maldicenza all'aperta accusa dei peggiori delitti, dalla persecuzione alla condanna all'esilio o alla morte; inserite in una società prevalentemente pagana e ostile, esse non potevano professare apertamente la propria fede né, tantomeno, celebrare tranquillamente una messa in santa pace!
    Per le loro assemblee utilizzarono quindi le catacombe, sulle cui pareti dipingevano simboli che rimandavano a realtà spirituali condivise e conosciute; gli stessi simboli venivano poi incisi sulle lastre di marmo che sigillavano le tombe. Cessate le persecuzioni, le basiliche pagane venivano affrescate e le statue degli dei venivano sostituite utilizzando anche questi simboli, che sono così giunti sino a noi.

    I simboli che significano "Cristo":

    Il pesce, in greco si dice IXTHYC (leggi ichtùs). Disposte verticalmente, le lettere di questa parola formano un acròstico: Iesùs Christòs Theòu Uiòs Sotèr = Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore.

    Il monogramma di Cristo è formato da due lettere dell'alfabeto greco, la X (leggi chi) e la P (leggi ro), intrecciate insieme. Sono le prime due lettere della parola greca "Christòs", cioè Cristo. Questo monogramma, posto su una tomba, indicava che il defunto era cristiano.

    L'Alfa e l'Omega sono la prima e l'ultima lettera dell'alfabeto greco. Significano che Cristo è l'inizio e la fine di tutte le cose.

    Il Pellicano: si pensava erroneamente che l'uccello si beccasse il petto per nutrire i suoi piccoli: da ciò l'immagine del Cristo che volontariamente si è offerto per noi.

    L'agnello: generalmente ritratto con il gagliardetto crociato, ci ricorda la docilità, l'umiltà, la mansuetudine, la mitezza, la purezza del Cristo.

    Il Buon Pastore con la pecora sulle spalle rappresenta Cristo salvatore e l'anima che Egli ha salvato. Questo simbolo è con frequenza presente negli affreschi, nei rilievi dei sarcofagi, nelle statue e si trova pure sovente inciso sulle tombe.

    I simboli della fede cristiana in generale:

    L'orante: questa figura in preghiera rappresentata con le braccia aperte è simbolo dell'anima che vive già nella pace divina.

    La colomba, con il ramoscello d'olivo nel becco, simbolo dell'anima nella pace divina.

    L'àncora è il simbolo della salvezza, simbolo dell'anima che ha felicemente raggiunto il porto dell'eternità.

    La fenice, mitico uccello d'Arabia, che, secondo la credenza degli antichi, dopo un dato numero di secoli risorge dalle sue ceneri, è il simbolo della risurrezione.

  • Giuseppe


Cristo Pantocratore



IXTHYC



monogramma PX



pellicano



ancora

© Copyright 2009 - Tutti i diritti riservati - Privacy & Cookie Policy - Webmaster: Giuseppe Guastella - StudioMASP - info@fratejacopaverona.it